Alcolismo tra minori

MINORI IN COMA ETLICO

Relazioni con lalcolizzato della moglie

Sabato sera. Tutti ragazzini. Accanto al tavolo, per terra, una busta di plastica, da supermercato. Uno, due, tre. Fino a stare male. Altre volte sono gli amici, ad assisterlo, finché non si regge in piedi.

Si parla di ragazzini fra gli 11 ed i 16 anni. Alcolismo tra minori non è immune, al contrario. La percentuale sale in modo rilevante fra i quindicenni maschi, in cui beve uno su tre.

Il campione ha visto la gran parte dei ragazzi con entrambi i genitori nati in Alcolismo tra minori, il Un ragazzo su 10 risulta figlio di cittadini immigrati. Per solo tre ragazzi su 10, parlare col padre di certi temi è molto facile. Più di cento ragazzi del campione, il padre non lo vedono mai.

Più facile parlare con la madre, specie per i più piccoli. Lo studio ha accertato la modificazione strutturale della famiglia, sempre più mononucleare, isolata, alcolismo tra minori denotata da una fragilità alcolismo tra minori dei genitori attuali, in oscillazione fra permissivismo e autoritarismo.

Paura, senso di colpa. Poche regole e pochi paletti. Uno su 5 ha già fatto uso di stupefacentie uno su 4 ha già avuto rapporti sessuali completi. Il consumo giornaliero è in diminuzione, ma aumenta fra gli 11 e i 13 anni. Si aspetta il fine settimana per bere finché non ci si sente male.

Gli effetti tossici immediati sono i rischi di coma etilico e collasso cardiocircolatorio.